In memoria di Paolo Saetta

Ven. Paolo SaettaIl ven. Thubten Zangpo, Paolo Saetta, ha preso i voti da Lama Zopa Rinpoche nel settembre del 1989 e poi successivamente i voti da Gelong con Sua Santità il Dalai Lama.
Ha soggiornato per lungo tempo all’Istituto Lama Tzong Khapa, ha seguito molti insegnamenti di Geshe Jampa Gyatso di cui era un discepolo molto vicino e ha completato lo studio del Masters Program.
Era laureato in antropologia. Nella vita mondana Paolo lavorava come bibliotecario nella biblioteca di Perugia e anche all’Istituto Lama Tzong Khapa, già monaco, si è occupato per alcuni anni della biblioteca di testi buddhisti e orientali, contribuendo a catalogarli e a ordinarli professionalmente.
Era un lettore accanito, un ricercatore e un osservatore che si impegnava con entusiasmo. La sua cultura era eclettica e contemplava varie discipline come la medicina orientale, l’astrologia, il feng shui, la matematica e la letteratura. Aveva un Master in medicina tradizionale tibetana. Il suo pensiero era originale e spesso andava controcorrente, suscitando talvolta qualche “forte” dibattito.
Paolo parlava volentieri con gli ospiti dell’Istituto Lama Tzong Khapa che avevano bisogno di scambiare idee e di risolvere qualche loro dubbio. Era gentile e affettuoso.
Faceva frequenti viaggi in oriente anche per lunghi periodi e talvolta cessava di dare sue notizie, al punto che veniva considerato “disperso”.
Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a Sera Je con l’intento di imparare il tibetano e di vivere a stretto contatto con la comunità monastica.
Ha lasciato il corpo a Perugia, il 27 giugno del 2016, in casa di amici, per un attacco di cuore. Aveva 54 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *